Suor Pura

La vita

Nata a Selva di Progno (VR) il 5 Novembre 1914, Suor Pura visse serenamente nella famiglia di origine, accanto ai genitori, Benedetto e Oliva Pagani, ed agli otto fratelli. La fede e l’amore per il Signore erano molto radicati nella famiglia Pagani, dalla quale già alcuni parenti erano usciti scegliendo la vita religiosa.

Si conserva una foto dei nove figli: Chiarina, la più giovane, avrà tre o quattro anni, è stata collocata su una sedia di legno, dietro di lei Carmela (suor Pura) è la penultima sulla destra.

Carmela Pagani si presentò all’Istituto Piccole Suore della Sacra Famiglia (Castelletto di Brenzone VR) il primo Agosto del 1932, spinta da una vocazione ferma e ispirata, e fu ammessa al noviziato l’11 febbraio del 1933. Professò i primi voti il 19 marzo 1935 e pronunziò la professione perpetua il 12 Gennaio 1941.

Dopo il primo noviziato, accettò con gioia il mandato di educatrice nella scuola materna, che svolse fino alla fine dei suoi giorni con amore e dedizione esemplari.

Suor Pura fu educatrice a Folgaria (TN), Cavazzale (VI), Verona, Ferrara, Stienta e Porto S. Elpidio. Dal 1941 al 1954 fu a Monte Romano da dove dovette allontanarsi a causa della salute cagionevole e di alcune difficili prove alle quali fu sottoposta dalla volontà Divina.

Uscita dalla terribile esperienza che molti definiscono “la notte dello spirito”, grazie anche al provvidenziale incontro con Padre Felice Cappello, il gesuita noto come “il confessore di Roma”, Suor Pura riprese la sua attività presso la Scuola Materna di Cavazzale e nel 1970 fu inviata a San Zeno di Mozzecane (VR) dove diresse la Scuola Materna, gestita dalla piccola comunità di suore, fino alla morte sopravvenuta per malattia il 2 luglio 2001.